La sostenibilità secondo ANG

Aggiornato il: 3 nov 2019


Quando qualche anno fa ho deciso di far ripartire il marchio ANG, ho fatto una scelta radicale nell’impostazione del lavoro.

Probabilmente non ho fatto la scelta migliore dal punto di vista economico, ma sicuramente ho optato per modalità di lavoro più vicine a me e alle mie esigenze.

Come prima cosa ho deciso di produrre tutto in Italia e così mi sono trovata a confrontarmi con una nuova realtà di artigiani e piccoli laboratori. 

Ognuno con le sue esperienze e il suo modo di lavorare, ognuno con la sua vita che inevitabilmente si intreccia con il lavoro. 


E’ stato lungo impostare il lavoro in modo differente con ciascuno di loro, ma alla fine posso dire di essere soddisfatta di aver trovato una rete di artigiani che mi sostiene e che  ogni giorno porta avanti il lavoro insieme a me.


Come secondo passo ho scelto di usare solo tessuti certificati, sia per la qualità del tessuto, sia per esser sicura del modo in cui questi vengono prodotti.

Dove possibile vado sempre a vedere la fabbrica perché per me è importante conoscere le persone che ci sono dietro le cose. Cerco di scegliere piccole aziende che hanno il mio stesso modo di lavorare e di pensare. E piano piano mi sto costruendo la mia rete di artigiani della quale vado molto orgogliosa. 


Ogni capo è fatto con cura e attenzione, perché voglio che i vestiti ANG durino nel tempo e si passino a fratelli e amici perché non serve avere tante cose, ma serve avere cose belle fatte con amore e che durino nel tempo.

Questi sono stati i principali cambiamenti del mio modo di lavorare, per il resto curo sempre con molta attenzione ogni piccolo dettaglio.

Mi muovo in bicicletta e, quando devo andare lontano, metto spesso la bicicletta sul treno e parto. 


Le consegne su Firenze sono sempre tutte in bici.

Non uso le buste di plastica per confezionare i capi e cerco di usare cartoni riciclati per le spedizioni (capisco che non sono sempre bellissimi, ma non sopporto lo spreco di carta).

Non si tratta di un cambiamento rivoluzionario, ma solo di attenzione e di buon senso. 

Controllo personalmente tutte le fasi del lavoro e so quali mani e in che modo cuciono ogni mio capo. 

Per me produrre abiti sostenibili è questo.



#modasostenibile #fashionrevolution #ImadeYourclothes #AbbigliamentoBambini

18 visualizzazioni